Il prezzo di uno sguardo


Bologna: stazione.

Ci arrivo in anticipo sotto del logoro stagno per cielo

Trascinerò poi per asfalti che si fingon ciotoli la valigia a ruote.
E nel mentre scoprirò una città spenta, ombra dei miei ricordi…
o forse specchio dei miei pensieri.

Ma dopo, ora sono appena uscito dalla stazione, sto cercando un sigaro nel borsello.

Ho deciso di fumarlo, ma non mi è chiaro se ne ho voglia, forse più per passatempo.

Trovato, sono in disparte e lo accendo, senza piacere.

Mi si fa presso un uomo, tra i venti e i quaranta, vuole soldi; quasi non lo ascolto.

Mi chiama “frate”, vorrebbe toccarmi, per contatto come fossimo conoscenti, ma non si osa.

Mi chiede una cifra precisa irrisoria, è lucido.

Assorbo tutto questo ma non ci faccio caso, forse con sufficienza o fastidio cerco moneta.
Trovo un euro, più di quanto mi ha chiesto… mi offre il resto.

Mi ringrazia e va via…. e in quel momento mi ricordo di essere uomo e gli dico: “in bocca a lupo!”

Si gira mi guarda: “Crepi!”

Uno sguardo vivo, forte e determinato.

Forse è solo suggestione ma quello sguardo ne valeva 100 di euro!

Annunci

2 pensieri riguardo “Il prezzo di uno sguardo”

    1. Ciao Mistral,
      Sguardi che si incrociano e ci colpiscono…

      Sguardi con intenzione.. di chi dice: “Grazie frate, mi ritiro ma non mollo!”

      Che forza….

      Grazie per le tue parole

      Un sorriso 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...