Archivi categoria: Premi

…riconoscimenti che ho ricevuto… :-)

I posti che… tag


Un tag che si prefigge lo scopo di far condividere emozioni e luoghi e, perché no, magari ispirare nuove idee per le prossime vacanze. È importante specificare che per “posto” non si intende esclusivamente una città, è infatti possibile anche menzionare un monumento, una piazza, un panorama, qualsiasi cosa che abbia suscitato un’emozione, e se si è indecisi anche più soggetti.
— Neogrigio da Una vita non basta

Vado al sodo.

I posti che... tag
I posti che… tag

Regole:

  1. Riportare l’immagine del Tag
  2. Citare l’ideatore del Tag (Neogrigio)
  3. Ringraziare il blogger che vi ha nominato
  4. Rispondere alle dieci domande
  5. Nominare 10 blog amici, soprattutto chi ama viaggiare, e avvisarli sulla loro bacheca, o comunque sincerarsi che abbiano ricevuto la nomination.
  6. Aggiungere tra i Tag “I posti che… ”
  7. Inoltrare le risposte al creatore del Tag (Neogrigio), nominandolo

Variazioni alle regole

Sono un fottuto anarchico… e quindi?

  1. ma che brutta immagine è??? Mettiamone una dei 10 posti che abbiamo visto!
  2. Nominare 10 blog?!?!?!? ma nooo!!!
  3. Aggiungere un tag???? ne ho già uno può bastare

Domande

Il posto che:

  1. porti nel cuore
  2. più divertente
  3. più commovente
  4. più deludente
  5. più sorprendente
  6. più gustoso
  7. che ti ha lasciato un ricordo particolare
  8. più romantico
  9. che vorresti rivedere
  10. dove ti piacerebbe andare

Risposte

  1. Alpe Devero
  2. Mi divertono le persone non i posti.
  3. come sopra
  4. Parigi, Roma, Danimarca
  5. Marocco.. un cavolo di freddo!!!
  6. dire Puglia o Piemonte non vale vero?!!?
  7. Santiago, cammino di
  8. Il romanticismo ce l’ho nel cuore non nei posti
  9. Turchia
  10. Gerusalemme, Island, Belize ecc

Nomination

Vi nomino tutti!!

come sempre 😀

Ringraziamenti

Ai viaggiatori che erano come e alla nominatrice: Vikibaum

Annunci

Pizza tag


Pizzatag
PizzaTag

Questo è un tag “da prendere alla leggera”, ma saporito: vi invito a raccontare che pizza ordinate solitamente e come le mangiate, cercando da ciò riflessi del vostro carattere.

Così scrive Bloody Ivy di Niente Panico presentando il nuovo tag di sua invenzione.

Io sono stato nominato da Cristina dell’Amore.

Io solitamente mangio una Raccomandata, pizza locale che deriva il nome dalla location della pizzeria: un ex ufficio postale.

La pizza è una margerita più:
– salsiccia
– gorgonzola
– procini
– cime di rapa e algio (ogni tanto li faccio aggiungere).

Non credo vi debba spiegare molto di più sul mio carattere…

Nomination:

tutti quelli che hanno voglia di raccontarsi 😉

Da Boole all’award


Sono stato nominato!!!

da Belinda e Sun, ma grazie 🙂

Il post è un esperimento, per altro che vanta una ricca storia… che oggi ho voglia di raccontarvi.

Cenni sull’origine dell’intelligenza artificiale

Tempo fa vi ho parlato della logica aristotelica o assertiva e i limiti che essa imponeva alla nostra capacità di immaginare (leggi: comprendere, ecc) il mondo.

Ebbene il fatto che il pensiero logico potesse essere rappresentato in termini matematici lo si deve a George Boole che lo dimostrò nei suoi scritti.

Siamo a intorno al 1900.

Per essere precisi, costruì un’algebra (detta booleana) che serve a rappresentare e relazionare oggetti logici (es.: “io sono un uomo).

Le algebre, per farla breve, sono dei linguaggi.

1950 circa

Claude Shannon intuì e dimostrò che le stesse operatori si applicavano ai circuiti e i commutatori, creando la teoria dell’informazione che è alla base dell’Informatica e alle scienze della comunicazione.

Da qui l’utilizzo in informatica (che usiamo tutti anche senza rendercene conto).

I cibernetici, in america, inventano il concetto di retroazione (feedback) e Von Neumann che ne faceva parte disegna il modello degli attuali computer.

In Inghilterra, il vincitore della seconda guerra mondiale (cfr.: Enigma), Alan Turing propone il suo test finalizzato a dimostrare che in un determinato contesto (a suo volta abbozzato da Cartesio) un software sufficientemente sofisticato potesse sostituirsi ad una macchina.

Partendo dal fatto che ad un questionario di domande non dipendenti cui rispondere vero o falso una macchina e un umano non sono distinguibili.

Naturalmente il contesto di riferimento è molto semplice perché essendo le domande non dipendenti non c’è possibilità di contraddizione; tuttavia, il fatto che saper riconoscere una contraddizione o un trabocchetto sia caratteristica dell’intelligenza è da dimostrare.

In ogni caso il test di Turing va proprio in questa direzione, il gioco è più articolato e introduce i trabocchetti, e nel corso degli anni è stato perfezionato, infatti l’attuale è piuttosto diverso dalla sua formulazione originale.

Forse avrete sentito che di recente un software ha avuto un buon risultato nel test di Turing.

Contemporaneamente, esiste un oggetto che si chiama Whatson… che beh… cambia i paradigmi dell’intelligenza artificiale, accedendo alle informazioni del mondo contestualizza e deduce il significato delle domande che gli vengono posto.

Ma tranquilli per i prossimi cinque anni è ancora fantascienza.

Reputo importante sottolineare come il contesto di riferimento influenzi le nostre percezioni: l’utilizzo della logica assertiva (di matrice aristotelica) ammette l’implementazione dell’algebra di Boole e fa nascere la domanda se una macchina basata su questa logica possa essere intelligente.

Se fossimo partiti (come è avvenuto in seguito) con logiche differenti non saremmo arrivati a farci quella domanda o quanto meno non in quei modi.

Volevo chiudere con una chiosa che mi sta molto a cuore, l’informatica o scienza dell’informazione centra con i computer come l’astronomia centra con i telescopi.

L’informatica studia l’informazione e la sua rappresentazione e beh.. tutto è informazione…


Premio-esperimento “Credi di avermi messo a fuoco?”

Messo a fuoco

Regole

L’esperimento consta di regole semplicissime:

  1. Utilizzare il logo
  2. Riportare le regole
  3. Scrivere dieci caratteristiche o accadimenti personali e sfidare chi legge ad indovinare se e quando si mente
  4. Nominare 10 blogger che si desiderano mettere a fuoco, comunicando loro di essere stati coinvolti siete tutti nominati, ma nominerò in particolare chi darà le risposte più… creative
  5. Pubblicare le risposte nei giorni successivi

Fattucci

  1. Pecco in tutti i 7 capitali;
  2. ho fatto Judo;
  3. mi piace molto il the verde;
  4. apprezzo la tequila;
  5. adoro il calcio;
  6. da piccolo non sapevo cosa avrei voluto fare da grande, ma volevo essere importante;
  7. ballo il fox;
  8. conosco 5 lingue straniere;
  9. faccio surf;
  10. faccio arrampicata libera anche se soffro di vertigini.

Premio curiosità Belinda’s style: Risposte


Premio curioso

Eccomi dopo il precente post di raccolta domande.

1) Hai letto l’oroscopo? Di che segno zodiacale sei? Ti piace la tua canzone di questo mese (L’isola che non c’è)?

..sì. .. mi ci ci sono ritrovatA tanto…. 😛 Cmq Leone
La canzone mi piace molto, soprattutto l’inizio, la parte finale no

2) Credi agli UFO?

Da un punto di vista strettamente letterale sì. Ci sono un sacco di oggetti di oggetti volanti non identificati.

Se parliamo di extraterrestri che ci fanno visita su astronavi più o meno verosimili non molto.

Se parliamo della vita extramondo, tendenzialmente sì.

Se parliamo che forme di vita extramondo, siano presenti su questa terra… quali sono i confini del mondo? In quante dimensioni ragioniamo? Cmq sono possibilista.

3) Secondo la tua opinione quanto può, la scienza ufficiale, dare un senso a fatti apparentemente inspiegabili (compresi i fenomeni paranormali)?

La scienza della complessità, parte poco nota e poco praticata della scienza ufficiale, già oggi ci fornisce gli strumenti per comprendere molte cose che al grande pubblico vengono descritte come inspiegabili.

Tuttavia hai usato un termine preciso: spiegare.

Non tutto (anzi ben poco) è spiegabile, tendenzialmente si possono spiegare i costrutti umani, la natura si sviluppa in maniera diversa.

Non poter spiegare, significa che per giungere alla comprensione di un fenomeno occorre sia guardare ai componenti (la spiegazione) sia al suo insieme funzionate visto come oggetto indivisibile.

Facciamo un esempio semplice: tu puoi spiegare te stesso o un tuo simile? e gli altri possono veramente comprendere il tuo sentire?

Non si può, se la comprensione reciproca è il tuo fine tu puoi cercare di mostrarti in più angolazioni e gli altri possono cercare di conoscerti in tutte queste angolazioni.

E qui mi piace sempre ricordare che amare e conoscere in ebraico sono lo stesso termine.

Torniamo a bomba.

No nessuna scienza può spiegare tutto.
Sì la scienza può portarci a comprendere tutto.

4) in che posizione. ………………preferisci m…….dormire?

mmmmmmmmmm…. di fianco…. e non dico altro 😛

The Inspiring Blogger Award (2)


Inspirign blog Award

Ringrazio Franca, per il pensiero 🙂

Regole:

  • elencare le regole;
  • postare il logo;
  • condividere 7 fatti su di te;
  • nominare altri 15 blog e lasciargli un commento per farglielo sapere vedi sotto.

I fatti miei sono:

  1. ho i piedi piatti;
  2. mi piacevano gli aristogatti;
  3. sono alto 175;
  4. peso 83 kg;
  5. ho uno stemma dei baschi francesi;
  6. il tempo fugge;
  7. oggi sono triste;
  8. tra le 7 c’è un menzogna.

I 15 non li nomino, ma nominerò chi indovinerà la menzogna, se ci sarà; il nominato potrà o ingaggiarmi (ispirarmi) a scrivere un articolo o chiedere di essere ispirato a scriverlo.

Ciao!!!

Premio “Talento Innato” di SempreCarla


Premio talento innato

Essere nominati per un premio con questo titolo è un onore.

Ringrazio Sun per il pensiero

Regole:

  • Utilizzare il logo;
  • Menzionare chi vi ha nominato;
  • Nominare 10 non più di 10 blogger, nei quali scorgete la dote del Talento, notificando loro la nomination;
  • Rispondere alle domande seguenti

Quando hai capito di amare la “scrittura”?

Avevo 14 anni verniciavo la saracinesca di un garage…

Ti ispiri mai alla tua realtà?

In questo blog spessissimo, molti post sono riflessioni sulla realtà.. e la sua lettura…

Se potessi partecipare e vincere una competizione letteraria o fotografica importante, quale sarebbe?

ehm… non saprei… e forse non mi interessa…

In cambio di una ingente somma di denaro, riusciresti a realizzare qualcosa lontanissima dalle tue corde?

Ci proverei.

Ami sperimentare?

Sperimentare non so… ma casino sì!!!

Offri qualcosa di inedito alle persone che ti seguono e credono nelle tue capacità?

Tecnicamente, siccome non ho mai pubblicato nullo è tutto inedito.

Se intendiamo opere nuove di mia invenzione, dipende dagli articoli.

Alcuni sono sguardi sul mondo che poggiano su scienze di cui c’è molta letteratura, conseguentemente gli scritti non sono molto innovativi.

Altri sono più intimi e sì sono nuovi.

Nomination

  1. Belinda
  2. Mistral
  3. Carlo
  4. Virtuos@mente
  5. Kalosf
  6. Carol
  7. Claudio